Menu

20056 Trezzo sull’Adda (MI) - Via Giotto 4/B 02.90.964.860 info@laproletaria.it

Prestito sociale

  • Home
  • Prestito sociale

Il prestito sociale

Proletaria prestitoPer i soci e per la Cooperativa il prestito sociale rappresenta uno strumento di reciproca utilità. Risorsa e contributo essenziale agli scopi sociali della Cooperativa, il prestito sociale è una forma di autofinanziamento messa in campo dai soci prestatori che consente di ridurre il ricorso al credito bancario. Il socio beneficia di un rendimento netto vantaggioso e, pur godendo della liquidità di un conto corrente, non ha nessun aggravio di spese.

La raccolta del prestito sociale avviene nel rigoroso rispetto dei limiti, sia individuali che complessivi, imposti dalle leggi vigenti e le modalità di raccolta sono disciplinate da un apposito regolamento, predisposto dal Consiglio di Amministrazione ed approvato dall’Assemblea dei soci, che stabilisce le condizioni ed i limiti del rapporto tra socio e Cooperativa. 

Il prestito sociale è riservato esclusivamente ai soci della Cooperativa: con esso ogni socio può depositare somme di denaro sulle quali riceve una remunerazione particolarmente interessante, anche per piccoli importi.
Ad ogni socio che diventa prestatore è consegnato il libretto di prestito sociale nominativo, sul quale sono registrate tutte le operazioni di versamento e prelevamento effettuate. Ad ogni variazione al socio sarà fornito il foglio informativo analitico che contiene dettagliate informazioni in merito alle condizioni economiche applicate al prestito sociale.

La Cooperativa può così disporre di risorse finanziarie necessarie per l'attività aziendale ad un costo inferiore a quello del credito ordinario ed il Socio che deposita i propri risparmi in Cooperativa può beneficiare di un rendimento superiore ad altre forme di impiego, ottenendo una interessante diversificazione degli investimenti finanziari.
Attraverso il risparmio sociale prendono vita e si concretizzano quindi:

- Mutualità: ogni socio apporta una parte delle risorse necessarie alla realizzazione dell'attività volta al soddisfacimento dei bisogni comuni;
- Solidarietà: le risorse apportate oggi servono anche per il soddisfacimento dei bisogni delle generazioni future;
- Economicità: è meno oneroso il ricorso al prestito dei soci rispetto ai crediti bancari;

I prestiti effettuati dai Soci alla Cooperativa rappresentano un contributo essenziale al conseguimento ed alla realizzazione dell'oggetto sociale; rappresentano un attestato di fiducia e di sostegno alle attività della Cooperativa.
L’obiettivo è offrire uno strumento di raccolta del risparmio decisamente interessante in termini di rendimento, mantenendo le medesime garanzie di solvibilità che caratterizzano i tradizionali libretti non vincolati.
Come per i libretti ordinari, non sono previsti costi di gestione e custodia (elemento da tenere nel debito conto per una eventuale comparazione con forme alternative di rendimento).


I VANTAGGI:

La cooperativa, sia per i libretti di deposito sociale liberi che per quelli vincolati, non applica alcuna spesa per la gestione e quindi:
-nessuna spesa per le operazioni di deposito o prelievo.
-nessuna spesa per la tenuta del conto e l'estratto conto.
-nessuna spesa per l´apertura e la chiusura del libretto.
-nessuna spesa per l´imposta di bollo..

> Scarica il regolamento del Prestito Sociale


TASSI DI INTERESSE

Tassi di interesse sul risparmio sociale ORDINARIO
con decorrenza dal 01/01/2017
fino a 10.000,00 euro* 0,60% lordo (0,44% netto)
oltre i 10.000 euro 1,00% lordo (0,74% netto)

La ritenuta fiscale (attualmente al 26%) sarà applicata all’atto della liquidazione degli interessi (31/12) sulla base delle norme vigenti in quel momento.

Il limite massimo di deposito consentito è pari a Euro 73.054,21.
N.B. Il Tasso di maggior favore sarà riconosciuto sull’intero deposito (es. deposito euro 10.100 tasso lordo 1,50%)

* Per depositi fino a 1.000,00 euro se non movimentati nell’arco dell’anno solare non vengono riconosciuti interessi.

N.B. Le informazioni contenute in questa pagina informativa non costituiscono offerta al pubblico a norma dell’art. 1336 del C.C.

 

NUOVE DISPOSIZIONI DELLA BANCA D'ITALIA
SUL PRESTITO SOCIALE

Secondo le nuove direttive di Banca d'Italia, a partire dal 1 gennaio 2017 sarà necessario
un preavviso di almeno 48 ore per il socio che intenda fare un prelievo dal proprio libretto
di prestito sociale. Il preavviso potrà avvenire direttamente presso gli uffici della cooperativa
o anche telefonicamente, indicando la data in cui sarà effettuato il prelievo.

Leggi tutto...

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.